cons. past. parr

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale è il “soggetto unitario delle deliberazioni per la vita della comunità, sia pure con la presenza diversificata del parroco e degli altri fedeli” (cfr. Sinodo 47°, Cost. 147, § 2).

Come tale, conoscendo la situazione della comunità parrocchiale, esso studia, prepara e decide l’azione pastorale e ne segue l’attuazione.

All’interno del Consiglio Pastorale si deve attuare “sapientemente il ‘consigliare’ e il ‘presiedere’” (cfr. Cost. 134, § 2).

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale ha come ambito fondamentale l’elaborazione, l’aggiornamento e l’applicazione del Progetto Pastorale Parrocchiale (cfr. Cost. 143, § 3). Tale Progetto attua per la concreta comunità parrocchiale le linee del piano pastorale diocesano. Anche a livello parrocchiale sarà compito del Consiglio stabilire ogni anno un programma concreto di azione pastorale, dedicando a tale incombenza già le ultime sessioni dell’anno pastorale che si sta per chiudere. Restano evidentemente di competenza del Consiglio tutte le altre questioni pastorali, non esclusi i problemi pubblici e sociali della comunità, la cui trattazione e soluzione appaiono necessarie per la vita della Parrocchia.

Il Consiglio Pastorale Parrocchiale non sostituisce gli altri organismi associativi esistenti in Parrocchia ma, nel rispetto delle loro legittime finalità e autonomie e nell’autentico spirito di comunione ecclesiale, ha il compito di coordinare e stimolare l’attività di tali organismi al fine di realizzare una pastorale organica nell’ambito della Parrocchia.

Le questioni economiche della Parrocchia sono di competenza del Consiglio per gli Affari Economici, ma anche il Consiglio Pastorale ha delle responsabilità.

MEMBRI DEL CONSIGLIO PASTORALE Clicca qui